Paese: COREA DEL SUD
Elemento scheda: Normativa: standard e pratiche enologiche

NORMATIVA

 

La Corea del Sud applica un’ampia normativa relativa all’importazione di vino. 

Le imposte sull’importazione di vino sono disciplinate dalle seguenti leggi: legge doganale; legge sulla tassa sui liquori; legge sulla tassa per l'istruzione; legge sull'IVA. 

La Legge sulla tassa sui liquori è di competenza del servizio fiscale nazionale coreano e copre le classificazioni, le pratiche autorizzate, gli additivi, l’etichettatura e la tenuta dei registri fiscali per le bevande alcoliche.

Le importazioni in Corea sono controllate dal Ministero del Commercio, dell’Industria e dell’Energia mentre il Ministero per la sicurezza dei prodotti alimentari e medicinali (MFSD) è competente per la legge sull'igiene degli alimenti e per il codice sui prodotti alimentari (2009) che disciplinano gli standard e le specifiche per ogni prodotto alimentare.

 

STANDARD E PRATICHE ENOLOGICHE 

 

Gli standard sono disciplinati dal Codice sui prodotti alimentari (2009) e dal Codice sugli additivi alimentari.

 

 

 

Specifiche

Pratiche enologiche

 

 

Funzione

Specifiche

Massime

Anidride solforosa

Additivo

350 mg/l

Acido sorbico**

Additivo

0,2 g/l

Sorbato di potassio

Additivo

0,2 g/l (espresso in acido sorbico)

 

Metanolo

 

Composizione

1,0 mg/ml (1000 mg per litro

di bevanda)

Metabisolfito di potassio

 

0,35 g/kg

Piombo (Pb)

Composizione

0,2 mg/kg

Ocratossina A

Composizione

2 µg/kg

Carbammato di etile

Vino

Vini liquorosi Distillati

Brandy e liquori di frutta

Sake

 

 

Composizione

 

30 ppb

100 ppb

150 ppb

400 ppb

200 ppb

L- acido ascorbico

Additivo

 

Anidride carbonica

Additivo

 

Acido eritorbico

Additivo

 

Bicarbonato di potassio

Additivo

 

Carbonato di calcio

Additivo

 

Gomma arabica

Additivo

 

Acido lattico

Additivo

 

Acido tartarico

Additivo

 

Acido malico

Additivo

 

Carbonato di potassio

Additivo

 

Acido citrico

Additivo

 

Lieviti

Additivo naturale

 

Gelatina

 

 

Caseina

 

 

Lisozima

 

 

Polivinilpolipirrolidone 

 

0,06 g/kg

Solfato di rame

 

1 mg/kg

Carbone attivo

Filtrazione

Contenuto residuo 0,5%*

Bentonite

Filtrazione

Contenuto residuo 0,5%*

Perlite

Filtrazione

Contenuto residuo 0,5%*

Terra diatomacea

Filtrazione

Contenuto residuo 0,5%*

Biossido di silicio

Coadiuvante di processo

 

Dimetilpolisilossano 

Agente antischiuma

0,05 g per Kg

Perossido di idrogeno

Coadiuvante di processo

 

Resine a scambio ionico

Coadiuvante di processo

 

Ferrocianuro di potassio****

Sali alimentari

0,010 g/kg 

 

Fosfato di ammonio

 

 

Cellulosa

 

 

Azoto

 

 

Ossigeno

 

 

Carbonato di potassio

 

 

Cloridrato di Tiamina

 

 

 

* Il contenuto residuo non dovrebbe essere superiore allo 0,5% (se utilizzato in combinazione con terra diatomacea, bentonite, perlite, carbone attivo e altri minerali insolubili, la somma dei vari residui non dovrebbe essere superiore allo 0,5%).

** Se l’acido sorbico è stato usato nella produzione del vino, esso deve essere indicato sull’etichetta del prodotto come additivo.

*** Questo additivo alimentare dovrebbe essere utilizzato solo nei sali alimentari e comunque in quantità non superiore a 0,010 g per 1 kg di sale alimentare. Se utilizzato in combinazione con più varietà di ferrocianuro di potassio e calcio, la somma non deve essere superiore a 0,010 g per 1 kg di sale alimentare.

Nota: il dimetildicarbonato e l'acido metatartarico non sono consentiti ai sensi del Codice coreano sugli additivi alimentari.