Paese: Regno Unito
Elemento scheda: Etichettatura

ETICHETTATURA

 

Avvertenze per la salute

Il Dipartimento per la Salute del Regno Unito ha sviluppato un formato di etichetta contenente messaggi contro l’abuso di alcol da apporre sulle bevande alcoliche. L’utilizzo di questa avvertenza sanitaria fa parte degli standard su base volontaria cui si accennava sopra, anche se il Dipartimento per la Salute raccomanda vivamente di riportare l’avvertenza sulle etichette e sulle confezioni delle bevande alcoliche vendute nel Regno Unito. 

A seguito di una iniziativa intrapresa dal settore nel 2012 e che ha trovato l’accordo del governo. l’80% circa delle bevande alcoliche vendute nel Regno Unito riporta volontariamente queste informazioni. 

Da quel momento, le informazioni volontarie da riportare sulle etichette delle bevande alcoliche hanno coinciso con lo schema riportato nella presente scheda.

Nel 2016 tale sistema, inquadrato nelle linee guida 2011 del c.d. Portman Group, è stato rivisto per quanto riguarda le quantità di alcol raccomandate e le modalità di presentazione delle informazioni nutrizionali e delle calorie.

Di seguito, in coerenza con le linee guida del Portman Group, sono presentate le linee guida sulla comunicazione dell’alcol e delle informazioni che riguardano la salute, a partire dagli elementi minimi da indicare sulla confezione delle bevande, cioè le raccomandazioni del chief medical officers del Regno Unito e le indicazioni ai consumatori sulla disponibilità di maggiori informazioni sul web.

Gli esempi e le icone usate nel presente documento possono essere scaricate dal sito del Portman Group www.portmangroup.org.uk

 

1. Contenuto minimo 

Le raccomandazioni del Portman Group includono i seguenti tre elementi da inserire sulla confezione/etichetta delle bevande alcoliche:   

 

  1. Unità di alcol contenute nella confezione/bottiglia (opzionale esprimere il contenuto di alcol per porzione);  
  2. Logo/messaggio “divieto di consumo delle bevande alcoliche durante la gravidanza”; 
  3. Logo Drinkaware.co.uk; 

 

2. Informazioni aggiuntive

2.1 Contenuto di alcol

2.1.1. L’etichetta deve indicare il numero di unità presenti nella confezione e presentarle con un’icona.

 

2.1.2. Il numero delle unità presenti in una bevanda deve essere calcolato moltiplicando il volume (espresso in ml) per il titolo alcolometrico per volume (ABV) e dividendo per 1.000. Ad esempio, il numero di unità in una bottiglia di vino da 750 ml con un ABV di 12,5% è di 9,4 unità di alcol.

 

2.1.3. Il numero di unità deve essere arrotondato per eccesso. Per esempio, 1,42 unità diventa 1,45 e 2,65 unità diventa 2,7. 

 

2.1.4 Il numero di unità deve essere calcolato sulla base della quantità di prodotto presente nel contenitore e non per porzione.

 

2.1.5. Nel caso di contenitori che contengono più porzioni (come nel caso di una bottiglia di vino), le aziende sono incoraggiate a indicare, in aggiunta, il numero di unità per porzione. Ad esempio, una porzione media può essere 125 ml per il vino, 25 ml per le bevande spiritose e 284 ml (1/2 pinta) per la birra.

 

2.1.6. L’appendice A in basso fornisce alcuni esempi.

 

2.2 Messaggio “divieto di consumo delle bevande alcoliche durante la gravidanza”

 

2.2.1. Il contenitore/l’etichetta deve indicare il logo del divieto di consumo delle bevande alcoliche durante la gravidanza, oppure, in alternativa, la seguente avvertenza: “it is safest not to drink alcohol when pregnant”.

2.2.2. Le aziende possono scegliere tra i loghi indicati nell’appendice A riportata in basso.

 

2.2.3. Non possono essere riportati pittogrammi o avvertenze diverse da quelle indicate in appendice. 

 

2.3 Drinkaware.co.uk

 

2.3.1. L’etichetta deve indicare il sito web Drinkaware, con la dicitura drinkaware.co.uk

 

2.3.2. Drinkaware.co.uk fornisce informazioni accessibili e dettagliate per i consumatori interessati a tutti gli aspetti del consumo di bevande alcoliche e deve essere utilizzato come prima fonte per tutte le informazioni che riguardano la salute.  

 

2.3.3. Le linee guida del Portman Group raccomandano un link diretto al sito web drinkaware per le informazioni aggiuntive. Ad esempio, se le linee guida sul consumo “sicuro” di alcol o altre informazioni riguardo la salute non sono indicate in etichetta, l’etichetta deve indicare dove tali informazioni possono essere reperite.

 

2.3.4. Tali indicazioni devono essere presentate con la seguente avvertenza “for further health information visit drinkaware.co.uk

 

2.3.5 Le aziende che vogliono utilizzare il logo Drinkaware o far riferimento al sito web devono ottenere un’autorizzazione da Drinkaware mediante un accordo di licenza di utilizzo del marchio. La licenza di utilizzo è a pagamento. Maggiori dettagli al seguente link https://resources.drinkaware.co.uk/downloads/our-logo

 

2.4 Linee Guida Chief Medical Officers 2016

 

2.4.1. Le nuove Linee guida del Chief Medical Officers (CMO’s) sul consumo di alcol a basso rischio per la salute sono state pubblicate ad agosto 2016.

  

2.4.2 Le linee guida sostituiscono quelle precedenti, introducendo le medesime linee guida settimanali per uomini e per donne, per episodi di consumo occasionale e per consumo di bevande alcoliche durante la gravidanza.

 

2.4.3. A causa della lunghezza e della complessità delle linee guida, il Dipartimento della salute ha reso noto un ulteriore documento che fornisce ulteriori suggerimenti per gli operatori rispetto alle linee guida. Il documento “Communicating UK Chief Medical Officers’ low risk drinking guidelines” è stato pubblicato sul sito del governo britannico il 24 marzo 2017.  

 

2.4.4 Come suggerito nel documento, le aziende che scelgono di sostituire le precedenti linee guida possono farlo anche mediante la seguente avvertenza “The UK Chief Medical Officers recommend adults do not regularly drink more than 14 units per week”.  

 

2.4.5. Non possono essere previste variazioni a tale avvertenza. È riportato un esempio nell’appendice A riportata in basso. 

 

2.5 Contenuto delle calorie

2.5.1 Alcuni produttori di bevande alcoliche già indicano le informazioni nutrizionali mediante l’etichetta o attraverso il sito web. Le informazioni sulle calorie devono essere espresse per 100 ml. In aggiunta, in via opzionale, queste possono essere espresse per porzione.  

 

2.6 Messaggio sulla guida responsabile

 

2.6.1. L’etichetta può riportare anche il logo “don’t drink and drive”, il cui esempio è riportato nell’appendice A in basso.

 

2.7 Consumo responsabile

2.7.1 L’etichetta può includere un messaggio che incoraggi il consumo responsabile di bevande alcoliche, come “Drink responsibly”, “Drink in moderation”, “Drink sensibly” or “Know your limits”.

 

2.7.2. Il nome del marchio può essere incluso nel messaggio (es. “Please, drink Brand X responsibly). 

 

    1. III.8.Divieto di consumo delle bevande alcoliche per i minori.

3.8.1 L’etichetta/confezione può riportare il logo del divieto di consumo delle bevande alcoliche per i minori (si veda appendice A in basso).